NEWS

Lo Psichiatra Nello Smartphone

Lo psichiatra nello smartphone. Smartphone, app e un sistema di intelligenza artificiale vengono in aiuto a psicologo e psichiatra, per i loro pazienti.

I Servizi Per La Salute Mentale In Numeri

I servizi per la salute mentale in numeri. Nel 2017 più di 850.000 persone sono state accolte dai servizi psichiatrici del sistema pubblico. Un sistema che ha le sue radici nella normativa del 1978 (la cosiddetta “Legge Basaglia”), in grado di cambiare completamente l'approccio alla salute menta

Psichiatria Nutrizionale: Una Dieta Sana Come Fattore Di Resilienza

Psichiatria Nutrizionale: una dieta sana come fattore di resilienza. Numerose ricerche mostrano una solida associazione tra alimentazione e salute mentale. A prova di ciò le persone con disturbi mentali frequentemente presentano situazioni di disequilibrio fisico che potrebbero essere mediate dalla nutrizione, per questo oggi si parla di una nuova disciplina: la psichiatria nutrizionale

Dipendenza Da Videogame E Social, Quando C’è Da Preoccuparsi (E Quando No)

Dipendenza da videogame e social, quando c’è da preoccuparsi (e quando no). Videogiochi e social sono fatti per coinvolgere e trattenerci il più possibile. Chi li progetta sfrutta meccanismi cognitivi ed emozionali per farci restare attaccati alla consolle o al telefonino. È facile non riuscire a staccarsi. Ma dov’è il limite tra una cattiva abitudine e una patologia? Ecco che dice la scienza

Avere Un Cane Giova Alla Salute Mentale E Riduce Il Rischio Di Depressione

Avere un cane giova alla salute mentale e riduce il rischio di depressione. A dirlo è un nuovo studio che ha analizzato gli effetti della compagnia di un cane sulla salute mentale partendo da un presupposto: gli animali domestici si sono evoluti sintonizzandosi profondamente con il nostro comportamento e le nostre emozioni.
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

"Altrimenti che Essere", in mostra Forgione, De Mattia e gli ospiti della Fondazione Bosis

Verrà inaugurata domenica 6 ottobre 2019, a Palazzo Visconti (Brignano Gera D'Adda) la mostra "Altrimenti che essere" a cura di Rocco Forgione, Fiorenzo De Mattia, con gli ospiti della Fondazione Emilia Bosis

La Fondazione Bosis a teatro con lo spettacolo: Che animale sei?

"Che animale sei?" è la nuova produzione che vede la storica collaborazione tra Stefano Filippi e la Fondazione Emilia Bosis unire attori, pazienti, operatori e animali in uno spettacolo-parata.

L’arte dell’attenzione. Stefano Filippi e il suo teatro con animali, ospiti e operatori alla Fondazione Emilia Bosis

Per conoscere più da vicino il teatro di Stefano Filippi alla Fondazione Emilia Bosis, il 19 settembre 2019 dalle 10 alle 12 sarà possibile partecipare a Cascina Germoglio a una sua lezione aperta e gratuita di teatro con ospiti e operatori.

Torna la Festa di Cascina Germoglio

Cascina Germoglio torna in festa dall'11 al 14 luglio.

La Fondazione Bosis a La Vogalonga

La Vogalonga, regata non competitiva oramai giunta alla 45esima edizione, vede ogni anno regatanti provenienti da tutto il mondo che animano i canali di Venezia.
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

Disagio Psichico E Reintegro: Il Valore Delle Reti Sociali

Disagio psichico e reintegro: il valore delle reti sociali. Il sistema di sanità pubblica non è più in grado di gestire e governare i bisogni complessi presentati dai pazienti psichiatrici. Questo perché i loro bisogni sono talmente eterogenei ed estesi che possono essere soddisfatti solo secondo un approccio multidisciplinare, ossia attraverso la collaborazione dei servizi insieme al contesto, alle istituzioni, alla famiglia e al gruppo di appartenenza.

Dal Centro Di Salute Mentale Alle Poesie In Giardino: Così A Mirafiori Germogliano Nuovi "Canti Orfici"

Dal centro di salute mentale alle poesie in giardino: così a Mirafiori germogliano nuovi "canti orfici". Gli operatori del centro diurno di via Nomis di Cossilla hanno presentato in Circoscrizione 2 un progetto per la riqualifica dell'area verde "Umberto Boccioni" di via Gaidano. Previste anche bacheche poetiche con i versi dei pazienti

"Orto Di Pace" E La Terapia Del Prendersi Cura

"Orto di pace" e la terapia del prendersi cura. La Comunità San Claudio di Corridonia (MC) in collaborazione con Slow Food, ha avviato un percorso terapeutico attraverso la coltivazione di un orto sulla scia del movimento "Orti di Pace". Dai prodotti coltivati ai piatti tradizionali della cucina marchigiana, fino al coinvolgimento delle scuole. Con risultati "del tutto positivi"

La Montagna Come Terapia Psichiatrica: Con Il Progetto “Prospettive Sicure” Calano I Ricoveri

La montagna come terapia psichiatrica: con il progetto “Prospettive sicure” calano i ricoveri. Rivolto a giovani tra i 16 e i 26 anni in carico al Dipartimento di Salute Mentale, il progetto ha prodotto un’evoluzione clinica significativa con svariati benefici per gli utenti. Queste esperienze in montagna sono risultate più positive rispetto alle cure con i farmaci e ai ricoveri ospedalieri.

Salute Mentale E Prospettive Di Lavoro

Salute mentale e prospettive di lavoro. Un ampio spaccato sull’esperienza delle cooperative locali nell’ambito del reinserimento sociale se ne parlerà al . convegno “Dis-chiudere la fragilità”
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

Parte Dall’Italia Il Progetto Europeo HERO Per Costruire Il “Luogo Terapeutico” Ideale

Parte dall’Italia il progetto europeo HERO per costruire il “luogo terapeutico” ideale. Il progetto è promosso e coordinato dal Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL Roma 2 con l’obiettivo di creare un luogo di vita “terapeutico” dove le persone con problemi di salute mentale possano vivere, interagire e integrarsi. È infatti online da oggi il “Curriculum”, un documento di 212 pagine rivolto alle comunità locali. Il documento sarà presentato a Roma il 14 e 15 giugno, in occasione di un Convegno internazionale che si terrà in contemporanea con la Conferenza Nazionale per la Salute Mentale.

Demenze. Iss: Ne Soffre 1 Milione Di Italiani

Demenze. Iss: ne soffre 1 milione di italiani. Secondo i dati dell’Osservatorio Demenze dell’ISS in Italia un milione di persone sono affette da demenza, 600mila sono colpite da Alzheimer e circa 3 milioni sono le persone direttamente o indirettamente coinvolte nell’assistenza dei loro cari. Colpisce in numero maggiore le donne.

Cinema e psichiatria. Al Festival Internazionale del Cortometraggio si racconta la “sana follia”

“Corti in Cortile”, il prestigioso Festival Internazionale del Cortometraggio rinnova la sua formula alla X edizione dal 14 al 16 settembre presso il Cortile Platamone, Catania. L’Urlo incontra Totò Calì per il seminario “Cinema e psichiatria”.

Nei rifugi di montagna trentini una bella iniziativa di inclusione

A settembre parte un nuovo progetto promosso dalla Sat (Società degli alpinsti tridentini) che offre un’esperienza lavorativa retribuita a persone con disagi mentali. In collaborazione con alcune cooperative sociali trentine i pazienti saliranno in alta quota, accompagnati da un’educatore, e svolgeranno alcune delle mansioni tipiche dei rifugi.

"Psicantria", il progetto che utilizza la musica come tecnica terapeutica in ambito psichiatrico

Parlare attraverso le canzoni di disagio psichico e in particolare di problemi psicologici legati ai bambini. Succede a Modena ad opera dell’associazione Psicantria.
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

Quando la musica arriva dove la parola ha dei limiti

Musica e Autismo: a sondare il rapporto tra questi due mondi sarà un convegno organizzato dallo studio italo-giapponese Veronesi&Namioka in collaborazione con la Fondazione Pavarotti e Fondazione Fornino Valmori. 

Dall'Università di Padova un manifesto in 33 articoli per l'inclusione

Contiene “temi, idee, intenzioni e parole chiave per l’inclusione” e fissa i principi e le caratteristiche fondamentali che un contesto deve rispettare per potersi dire “inclusivo”: è il “Manifesto per l’inclusione”, realizzato dall’Università di Padova

In libreria - "Crazy for Football": dalla pellicola alla carta fino ad arrivare ai campi di calcio

"Crazy for Football", Longanesi editore, è storia di una sfida. È la storia della Nazionale dei giocatori affetti da disagio mentale, andati in Giappone a giocare il Mondiale di calcio a 5.

Disagio mentale e lavoro, il modello virtuoso di Bologna

Sostenere i cittadini con disagio psichico nella ricerca di un impiego, indipendentemente dalla diagnosi, dal livello di istruzione, dal retroterra socio-culturale e dalla storia lavorativa.

Il film "Ho amici in paradiso", interpretato da alcuni attori con disabilità intellettiva, verso gli Oscar

Viaggiano verso gli Oscar, gli “amici in paradiso”: il film, girato da Fabrizio Maria Cortese, interpretato da alcuni attori con disabilità intellettiva, ospiti del centro Don Guanella di Roma, appare infatti nella lista dei 14 film iscritti alla selezione Anica per la candidatura del film italiano da segnalare all’Accademy per concorrere all’Oscar 2018 come miglior […]
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

Compie 20 Anni La Cura "Cancella Traumi"

Compie vent'anni in Italia la terapia che cura le 'ferite dell'anima', i traumi grandi, ma anche piccoli, che lasciano ferite invisibili, in grado però di far sentire pesanti strascici nella vita quotidiana: insicurezza, scarsa autostima, ansia, attacchi di panico. Parliamo dell'Emdr, dall'inglese Eye Movement Desensitization and Reprocessing, desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari, sempre più utilizzata per guarire i danni psicologici legati a esperienze traumatiche.

Indizi Di Ordinaria Follia. Il Cinema E Il Disagio Mentale

Indizi di ordinaria follia Il cinema e il disagio mentale. Sette film ‘cult’ discussi da neuroscienziati, psicanalisti e filosofi. L’obiettivo è quello di avvicinare alla ricerca scientifica un pubblico di ‘non addetti ai lavori’ e di giovani, stimolando una riflessione sulle neuroscienze e sugli studi relativi alla mente umana.

La Fondazione Emilia Bosis ed il Progetto "Tender to Nave Italia" su Valseriananews

Riportiamo l'articolo pubblicato su Valseriananews il 15 novembre scorso

Su L'Eco di Bergamo un interessante articolo sul convegno "Le bugie della psichiatria: come sopravvivere alla follia del mondo contemporaneo”

Sull'edizione di sabato 8 settembre de L'Eco di Bergamo si è parlato del convegno promosso dalla Fondazione Emilia “Le bugie della psichiatria: come sopravvivere alla follia del mondo contemporaneo”, che si è tenuto al Bergamo Science Center.

Stasera alla Festa di Cascina Germoglio Marx, Nietzsche e Freud nitriscono. Non mancate!

Inizia oggi alle ore 18.00 la grande festa di Cascina Germoglio, che durerà fino a domenica. A parlarne anche Bergamo Post.
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

«La malattia mentale è un modo di essere diverso dalla normalità»

- Emilia Bosis

PUBBLICAZIONI

Normandia 2010

Accanto al viaggio fotografico abbiamo abbinato le citazioni dei grandi maestri della letteratura e alcuni aforismi. Il libro propone un viaggio spirituale nel cuore più autentico della terra di Normandia.

In un chicco d'uva come nel guscio della mia vita

Il libro è una dichiarazione d’amore, tra colline rivestite di viti gravide d’uva, tra il profumo del vino che canta mentre fermenta, le bottiglie d’annata che guardano l’autore annunciandogli che la poesia può anche essere un dono dell’ebbrezza dionisiaca e dunque una possibilità verso il divino, l’assoluto.

"Mi chiamo Emilia e sono..."

Metafisico alias trascendente, il non-luogo come archetipo della genesi infinita degli spazi, iperuranio peripatetico: l’ennesimo happening dell’Assoluto, insomma, seguendo i cippi posti sulla strada dallo Stagirita stesso, con quelle vertiginose pagine sulla Causa Prima e quella immagine del Divino come pensiero di pensiero che, più che un accenno, è un’istigazione al “deliquio metafisico”

Oltralto. Tra i confini dell'anima e della follia

Severino, Husserl, Heidegger, ci delineano i tratti di un buon “operatore psichiatrico”: Ella o Egli, “facciano ritorno alle cose stesse, con eroica ingenuità consapevoli che non è facile essere operatori psichiatrici…”.

NaturalMente

NaturalMente “crono il distruttore” siamo noi: buco dell’ozono, effetto serra, esaurimento delle risorse, inquinamento. Sono questi i frutti recenti di una coscienza ecologica sempre più in crisi.
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

Attività e pubblicazioni scientifiche

L’elenco delle iniziative, delle attività e delle pubblicazioni alle quali hanno partecipato attivamente il direttore sanitario o i collaboratori della Fondazione, dal 2014 ad oggi.
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

«Io non ho paura di niente perché la paura ottunde»

- Emilia Bosis

PROGETTI ED EVENTI

Progetto Il Filo Rosso

La Fondazione Emilia Bosis è un’istituzione che si occupa di assistere, curare e riabilitare persone che soffrono di malattie mentali intervenendo attraverso metodologie mirate di intervento terapeutico e socio riabilitativo. Il progetto “Il filo rosso”, che richiama l’espressione usata dalla fondatrice Emilia Bosis “la follia è un sottile filo rosso che divide la logica dall’illogicità“, […]

Conferenza "Materia Oscura: Un Racconto Tra Fisica E Fantascienza"

Conferenza "Materia oscura: un racconto tra Fisica e Fantascienza". Dialogo a tre fra Guido Tonelli, Fabrizio Castelli, Paolo Aresi Venerdì 8 marzo ore 18 c/o Bergamo Science Center Bergamo - Viale Papa Giovanni 57

“L’altro Pinocchio”, la Fondazione Bosis celebra il ventennale con una mostra dedicata al personaggio collodiano

Dal 12 di maggio fino al 2 giugno si terrà a Porta Sant’Agostino, nella suggestiva cornice di Città Alta, la mostra “L’altro Pinocchio”, curata dalla Fondazione Emilia Bosis e dedicata al tema collodiano di Pinocchio. Un evento che si inserisce nelle iniziative culturali che si terranno quest’anno per celebrare il ventennale della Fondazione Emilia Bosis.

Un video ed una gallery per raccontare l'incontro formativo "Contaminazioni necessarie"

Si è tenuto ieri mattina l'incontro formativo "Contaminazioni necessarie, la cura dell’anima tra religioni, psicoterapia e counseling filosofici", promosso dalla Fondazione Emilia Bosis e dalla Cooperativa Sociale La Persona. 

Le sette buone ragioni per essere felice di Pinocchio: il laboratorio di fumetto di Giorgio Carpinteri

Giorgio Carpinteri ci racconta come sono andati questi tre giorni, come si è svolto il laboratorio e del "potere curativo" del disegno (che vale per tutti noi).
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

Una mostra su Carlo Zinelli, uno dei massimi esponenti dell'Art Brut

Per i cento anni della nascita di Carlo Zinelli fino al 20 agosto una mostra all’American Folk Museum di New York su uno dei massimi esponenti dell'Art Brut.

La mostra Asylum a Cagliari per incontrare il disagio mentale

L’arte può offrire una prospettiva differente sulle difficoltà che la malattia mentale comporta. Questo è l’obiettivo di Asylum, la nuova mostra ospitata fino al 14 maggio all’EXMA di Cagliari.

"Piano d’ascolto: cinema e terapia" a Lucca con Sergio Castellitto

Al teatro Giglio, tra le iniziative organizzate dal Lucca Film Festival e Europa Cinema, l’8 aprile si terrà l’incontro “Piano d’ascolto: cinema e terapia” con protagonista Sergio Castellitto. Si discuterà del rapporto tra cinema, televisione, teatro e il disagio mentale.

Il 25 marzo torna “Stranamente Normali" a Legnano

A Legnano, al teatro Tirinnanzi, il 25 marzo torna “Stranamente Normali”, una giornata di spettacoli e eventi con l’obiettivo di abbattere le barriere che esistono verso le malattie mentali.

MinD - Mad in Design, il workshop per la residenzialità psichiatrica

Presso il Lingotto di Torino sono stati presentati i sei progetti di “MinD - Mad in Design”, un workshop e una serie di eventi collaterali, per sperimentare metodi di lavoro, approcci e soluzioni per un’idea di residenzialità psichiatrica socialmente inclusiva, un abitare che tenga conto delle reali esigenze di chi vive lo spazio.
LEGGI ALTRO IN QUESTA CATEGORIA

«La follia è una finestra in più sulla vita. Io l’ho aperta e ci ho visto tante cose. Alcune riuscirò a dipingerle, alcune non so se riuscirò ad interpretarle talmente bene»

- Emilia Bosis

MISSION

ACCOGLIENZA

L’ accoglienza si traduce nella capacità di contenere il disagio con gli approcci relazionale, affettivo, cognitivo, farmacologico e sociale mettendo sempre al centro del progetto la persona

TERAPIA

Il progetto terapeutico, in cui è fondamentale il lavoro dell’equipe, deve poter contemplare le aree di vulnerabilità, i concetti di vitalità, creatività, condivisione, fantasia, senso di identità e appartenenza e senso di sé

INTEGRAZIONE

Si persegue l’integrazione degli ospiti anche attraverso la creatività con attività in linea con le capacità di ciascun’ ospite. Ove possibile la Fondazione persegue la reintegrazione degli ospiti nella società

PHOTOGALLERY

CI SOSTENGONO

LA FONDAZIONE

Emilia Bosis è un’acuta signora che ha conosciuto in prima persona il disagio psichico.

Emilia nasce a Milano nel 1935; si trasferisce in seguito nella casa di famiglia in Città Alta sul colle S.Vigilio a Bergamo. Per motivi di salute è stata accolta nel 1995 nella Comunità Logos dell’ex Ospedale Neuropsichiatrico di Bergamo dove ha partecipato a diversi laboratori espressivi.

Nel 1998, dal suo intento e dalla sua generosità, nasce la Fondazione Emilia Bosis. Per questo suo grande gesto riceve la benemerenza del comune di Bergamo nel 2001 e la Regione Lombardia Le assegna nel 2004 il premio “Rosa Camuna”.

Appassionata di pittura, poesia, teatro, ha operato per molti anni nel suo atelier. Espone lavori nella mostra collettiva “Impronte del Corpo e della Mente” al Teatro Sociale di Bergamo e scrive una poesia che legge per l’inaugurazione. Recita nello spettacolo “Altre mattinate” al teatro Donizetti di Bergamo. Espone una selezione dei suoi lavori nella mostra “L’Arte dei Puri” al Teatro Sociale di Bergamo, pubblicati con un’intervista nel catalogo.
Interprete principale nello spettacolo “Buio e altro” al teatro Donizetti di Bergamo e protagonista del film “Il Sottile Filo Rosso”. Partecipa al Maurizio Costanzo Show in una puntata dedicata a storie di donne. Ancora protagonista nello spettacolo “Posso parlare?” al Teatro Donizetti di Bergamo.

Emilia ci ha lasciati il 29 luglio 2015. Il suo pensiero, la sua passione per l’arte ed il suo amore per il prossimo vivono in tutti noi, così come la gratitudine e la riconoscenza.

La Fondazione Emilia Bosis, con sede legale a Bergamo, è un organismo istitu- zionale no-profit accreditato dalla Regione Lombardia e sottoposto alla vigilanza della competente Azienda Sanitaria Locale, che si occupa della cura delle persone che soffrono di disturbi mentali intervenendo attraverso metodologie mirate di intervento terapeutico e socioriabilitativo.

Per consultare il nostro Codice etico, clicca qui.

Per consultare La Carta dei Servizi della Fondazione Emilia Bosis ed il Modello di organizzazione, gestione e controllo fondazione Emilia Bosis clicca qui.

La Legge n. 124 del 4 agosto 2017 (cd. Legge concorrenza) – all’art 1, commi 125-126-127 – ha introdotto due distinti obblighi di trasparenza operanti “a decorrere dal 2018” e concernenti:

– l’obbligo di pubblicazione su siti o portali internet posto in capo ad associazioni, Onlus e Fondazioni;
– l’obbligo di comunicazione in nota integrativa per le imprese.

L’obbligo deve essere assolto entro il 28 Febbraio 2019 per i contributi ricevuti nel 2018.

In aderenza a quanto previsto dalla normativa sopra richiamata pubblichiamo i contributi in denaro e natura ricevuti da enti pubblici.

Ente erogatore: ATS Bergamo
CF: 04114400163
Somma Ricevuta: 4.018.170,39
Causale: Contratto per la gestione di servizi sociosanitari

Ente erogatore: Comune di Verdello
CF: 00268310166
Somma Ricevuta: 550,00
Causale: Spettacolo teatrale

Ente erogatore: Istituto comprensivo di Ciserano
CF: 93024460169
Somma Ricevuta: 893,04
Causale: Attività didattica

Ente erogatore: Agenzia delle Entrate
CF: 06363391001
Somma Ricevuta: 701,67
Causale: Quota 5 per mille

La Fondazione Emilia Bosis nasce nel 1998; nel 2015 ha festeggiato il suo quindicesimo anniversario.

Clicca qui per consultare la cronistoria di questi 15 anni della Fondazione Emilia Bosis fatti di viaggi, spettacoli, eventi convegni e manifestazioni.

La Fondazione Emilia Bosis, nata nel 1998, si occupa dell’accoglienza del disagio psichico. Alla sua nascita, con il Progetto Logos, ha risposto all’importante compito che quel momento storico-politico richiedeva: il passaggio dall’istituzione manicomiale con la chiusura sul territorio di Bergamo dell’ex Ospedale Neuropsichiatrico, all’apertura di strutture residenziali e semi-residenziali per la nuova utenza territoriale e per i pazienti dimessi dall’ex ONP.

Dopo un’attenta rilettura del Progetto Logos originario, scritto alla nascita della Fondazione,
compiuta ad opera di tutte le figure professionali dell’équipe e dei fondatori, si è giunti alla stesura del Progetto Logos 2015, in cui si è mantenuta la storia ed il pensiero d’origine, affrontando però temi quali:

– la centralità della persona
– la relazione
– l’équipe
– la creatività
– l’innovazione

Per poter leggere il Progetto Logos 2015, Clicca qui