Il tema dell’accoglienza di tutte quelle persone che fuggono da situazioni pericolose o insostenibili porta con se molte questioni delle quali tante sono ancora aperte. Tra tutte queste una delle più sensibili e che richiede attenzione è quella dei molti minori che giungono in Italia, e in Europa, non accompagnati.

Rispetto a questo fenomeno un grande passo è stato compiuto da parte del Senato nella giornata di mercoledì 1 marzo: è stato approvato il disegno di legge per la protezione dei minori stranieri non accompagnati. Ora il testo deve tornare alla Camera per il via libera definitivo.

Unanime l’approvazione delle associazioni di settore che ora attendono solo l’approvazione definitiva.

Oltre che una regolarizzazione formale delle tutele, il testo modifica anche il testo unico sull’immigrazione, che ora prevede il divieto di respingimento dei minori stranieri non accompagnati alla frontiera, l’introduzione di un sistema organico per l’accoglienza a livello nazionale, l’armonizzazione delle procedure per verificare l’età dei minori contemplando maggiori garanzie, come la presenza di mediatori culturali anche durante la fase di accertamento, il rafforzamento degli istituti di tutela e dell’affido famigliare  e maggiori tutele per il diritto all’istruzione, alla salute e a quelli amministrativi e giudiziari.

Di seguito la nota congiunta delle associazioni:Accogliamo con soddisfazione l’approvazione della proposta di legge sui minori non accompagnati in Senato. Ripetuti sono stati gli appelli delle associazioni alle forze politiche, ora l’auspicio è che l’iter non subisca ulteriori rallentamenti e si arrivi ad una rapida approvazione finale alla Camera. Le organizzazioni continueranno a seguire con attenzione il provvedimento, contando sull’impegno delle forze politiche che trasversalmente lo hanno promosso e sostenuto, affinché diventi presto legge dello Stato”

Le associazioni che l’hanno sottoscritta sono: Ai.Bi. Amici dei Bambini, Amnesty International Sezione Italiana, Centro Astalli, Consiglio Italiano per i Rifugiati, Cnca, Comitato italiano per l’UNICEF, Emergency, Medici Senza Frontiere, Oxfam Italia, Save the Children, Terre des Hommes Italia